Senza categoria

Comunicato del FPLP nelle carceri sioniste

Ahmad Sa'adatSezione del FPLP nelle carceri dell’occupazione: “Il leader Sa’adat è determinato a risolvere definitivamnte la questione dei prigionieri a cui sono vietate le visite”.

La sezione carceraria del FPLP comunica che giovedì 18 giugno si è tenuto un nuovo incontro tra i suoi rappresentanti e l’amministrazione carceraria sionista. Durante l’incontro l’amministrazione carceraria ha mostrato molta disponibilità rispetto alle richieste del FPLP e del leader Sa’adat riguardo alla questione dei prigionieri a cui sono vietate le visite familiari.
Sa’adat ha accettato di essere trasferito presso il carcere di Nafha la prossima settimana in modo da poter riprendere le trattative fianco a fianco con i suoi compagni della sezione carceraria del FPLP; lo scopo è quello di creare una posizione unitaria rispetto alla questione della restrizione delle visite familiari che esponga la questione dinanzi all’amministrazione carceraria.
In caso di rifiuto Sa’adat e i suoi compagni entreranno in sciopero della fame.
La sezione carceraria del FPLP sottolinea che la posizione principale e di principio che verrà presa da Sa’adat implicherà la risoluzione della questione delle visite, non solo per il suo caso specifico, ma per tutti i prigionieri.
Sa’adat sottolinea che la vittoria in questa battaglia sarà solo il primo passo verso una serie di altre iniziative che avranno lo scopo di fare pressione sull’amministrazione carceraria, per contrastare la sua repressione e i suoi crimini verso i prigionieri e per affrontare le altre questioni dei prigionieri come quelli malati, in isolamento e sotto detenzione amministrativa.