Comunicati, Slideshow

FPLP: chi opprime il proprio Popolo e lo aggredisce serve i progetti dell’occupazione

Comunicato Stampa Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, in merito alla repressione da parte dei Servizi di Sicurezza dell’Autorità Nazionale Palestinese verso le manifestazioni organizzate in Cisgiordania in […]

Comunicato Stampa

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, in merito alla repressione da parte dei Servizi di Sicurezza dell’Autorità Nazionale Palestinese verso le manifestazioni organizzate in Cisgiordania in solidarietà con il nostro Popolo a Gerusalemme, ed il pestaggio con percussioni e manganellate di un giovane a Betlemme, definisce questi atti un crimine contro ogni principio nazionale.

Il FPLP considera tutte le spiegazioni, le ammissioni di colpa dei Servizi di Sicurezza e le dichiarazioni riguardo a pene da far scontare a chi ha compiuto questa brutale aggressione, mere e inconsistenti giustificazioni che non possono giustificare il continuo susseguirsi di questi attacchi.

Il FPLP conferma che queste aggressioni non rappresentano casi isolati o eccessi di alcuni membri dei Servizi di Sicurezza, ma un agire dell’ANP al quale si deve immediatamente mettere un limite, in quanto chi reprime il proprio Popolo e lo aggredisce serve, in modo diretto o indiretto, i progetti dell’occupazione.

Il FPLP invita a trarre insegnamento da questo evento, a liberarsi dal fardello degli Accordi di Oslo con le relative implicazioni politiche, economiche e di sicurezza. Specie nel momento in cui i Servizi di Sicurezza, le cui mansioni “sarebbero” la difesa dei figli del Popolo palestinese e l’affrontare le aggressioni dell’occupazione e dei coloni, portano avanti una collaborazione di sicurezza con le forze d’occupazione, impedendo le azioni di resistenza e aggredendo gli stessi palestinesi con la ferocia di cui siamo stati testimoni nel caso dell’aggressione al giovane a Betlemme.

Dipartimento d’Informazione Centrale
19/09/2015

Il video dell’aggressione a cui si riferisce il comunicato del FPLP: